JoyCut

JoyCut

Sabato 17 Ottobre · Dalle 18.00 alle 19.00 · Main Stage

L’originale trio dei JOYCUT tesse potenti momenti sonori con melodie elettroniche e percussioni. L’interazione con il pubblico della Maker Faire, tra elettronica, percussioni e visual, lascerà gli spettatori senza fiato.

JoyCut
Due batterie che dialogano tra loro insieme a synth, voci ed effetti visivi. È questa l’originale formazione dei JOYCUT, trio bolognese che dopo un’intensa stagione ricca di date e riconoscimenti internazionali, avvia la una collaborazione editoriale con Sugarmusic, segnando l’inizio di un interessante ed inedito percorso condiviso volto a rafforzare la reciproca presenza nel panorama internazionale. Il loro ultimo album PiecesOfUsWereLeftOnTheGround ha permesso al progetto di toccare traguardi importanti. Ne è prova tangibile il longevo ciclo vitale dell’album, supportato da un inesauribile tour di oltre 200 date tra Italia, Francia, Belgio, Olanda, Germania, Inghilterra, Spagna, Repubblica Ceca, Estonia, Lituania, Islanda, East & West Cost degli Stati Uniti, Canada e Sud America. In occasione dei mondiali di calcio 2014, VISA &F.I.F.A. hanno avviato un importante progetto internazionale, chiedendo ad artisti provenienti da tutto ilmondo (oltre 32 paesi), di raccontare e rappresentare con la musica il proprio panorama etnico e di costume. I JOYCUT sono stati scelti come rappresentanti italiani, realizzando l’inno ufficiale del nostro Paese. Dopo essersi cimentati nella produzione insieme al noto Jason Halbert (già vincitore di un Grammy per Kelly Clarkson), recentemente i JOYCUT hanno partecipato al tessuto sonoro della miniserie “Parole che restano” in onda su SKY ARTE HDe condotta da Stefano Accorsi. Tra i vari appuntamenti live internazionali, i JOYCUT hanno recentemente annunciato la loro partecipazione il prossimo Novembre, all’ICELAND AIRWAYS - Reykjavik (IC), festival tanto caro a Björk, dopo aver aperto i concerti italiani dei Chemical Brother e aver preso parte a numerosi festival quali: CMJ Festival - New York City, GLIMPS Festival - Gent (BE), EUROSONIC - Groningen (NL), MENT - Ljubljana (SL), SXSW - Austin (TX) 2014 & 2015, LIVERPOOL SOUND CITY - Liverpool (UK), ROCK FOR PEOPLE EUROPE - Pilsen (CZ), WAVES BRATISLAVA - Bratislava (SK), WAVES VIENNA - Vienna (AU), FESTIVAL CHORUS - Parigi (FR), GALAPAGAI - Zarasai (LT),MERCAT de la MUSICA VIVA de VIC - Vic (ES), LIVEEUROPE - Warsaw (PL), REEPERBAHN - Amburgo (DE),Festival Indigènes - Nantes (FR), Les NUITS - Bruxelles (BE), EUROPAVOX - Clermont-Ferrand (FR), ROCK IN ROMA - Roma (IT), LOFTAS Festival - Vilnius (LT), HYDROGEN Festival - Padova (IT), TALLIN Music Week – Tallin. Negli ultimi mesi di tour la band ha registrato live sessions per Audiotree TV a Chicago (visibile interamente suhttp://audiotree.tv/session/joycut/ ) e per il celeberrimo Daytrotter (disponibile su www.daytrotter.com | http://www.daytrotter.com/#!/concert/joycut/21021939-37388850) nei famigerati studi Futureappletree di Rock Island. La costante attenzione al tema del green, li vede attivamente coinvolti in progetti legati alla difesa e valorizzazione dell’ecostostenibilità. Dalla realizzazione di un inno dal titolo “Clean Planet” nel quale narrano lo stato di salute in cui versa il pianeta; alla registrazione del secondo albumpresso il The Premises di Londra, unico studio europeo completamente alimentato da 18 pannelli solari. I JOYCUT si avvalgono di macchine e materiali dismessi riutilizzandoli come strumenti e parte integrante delle loro performance; utilizzano esclusivamente materiale eco sostenibile per i loro packagings (mater-bì, biophan, inchiostri ad acqua e colle vegetali), con l’obiettivo di ridurre al minimo l'impatto sull'ambiente. Per l'ultimo album hanno scelto di lavorare soltanto on line, dall'invio dei files per i missaggi fino alla masterizzazione finale. Sono i promotori ed ideatori di una campagna dal titolo La Foresta degli Alberi Fantasma, pubblicata su XL Repubblica che sostiene l’uso di alternative sostenibili nella produzione musicale. Hanno partecipato, come unici rappresentanti italiani al noto C02penhagen, festival green danese per eccellenza.


Categoria Maker Music · Type performance
 
Back