“Crescere in digitale”: partono da Roma i laboratori

In Italia, ai giovani under 30 riservate 2 assunzioni nel digitale su 5. Dopo la Capitale nuovi appuntamenti nelle città italiane.

Le competenze digitali sono essenziali per oltre 47mila assunzioni programmate dalle imprese per il 2015. Una richiesta che  dà soprattutto alla generazione dei millennials (18-34 anni) una chance in più di trovare lavoro. E’ quanto emerge dai dati del  Sistema Informativo Excelsior di Unioncamere e Ministero del Lavoro. 

Ai giovani under 30, professionisti del digitale, si rivolgono più in particolare due assunzioni su cinque contro poco più di una su quattro  riservata loro per ricoprire gli altri profili ricercati. Per oltre il 60%  delle figure professionali richieste è necessaria un’esperienza specifica.
Ma la difficoltà di reperimento dei giusti candidati in possesso di competenze digitali si rivela mediamente più elevata rispetto a quella delle  altre professioni (16% contro il 10,1%). A livello geografico sono le  imprese lombarde le più assetate di “digital skill” (26,2%), seguite da quelle del Lazio (12,2%) e del Piemonte (9,3%).

E’ quanto reso noto oggi in occasione del laboratorio organizzato a Roma alla presenza di Giuliano Poletti, Ministro del lavoro e delle politiche sociali, e dei rappresentanti di Google e Unioncamere all’interno del progetto “Crescere in digitale”. L’iniziativa punta a diffondere le competenze digitali tra i giovani iscritti al programma Garanzia Giovani e ad avvicinare le Pmi al web che ospiteranno i giovani tirocinanti. Tre le fasi previste dal progetto: 50 ore di training online per i giovani, laboratori sul territorio e oltre 3000 tirocini retribuiti nelle imprese.

[fonte: Unioncamere]

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedInShare on Tumblr